SCHEGGIA la fine di un cane abbandonato – Canile di Velletri – ADOTTATO !

SAMSUNG Condividi questo appello su FACEBOOK
Share

Canile di Velletri (Roma) – E’ arrivato in canile in queste condizioni il povero Scheggia, magrissimo, pieno di croste, gli occhi sempre socchiusi. L’abbiamo chiamato Scheggia perché nonostante ora sia un po’ traballante a causa della grave denutrizione, si vede che è un cane dinamico e determinato, quando trova un ostacolo sulla sua strada non lo aggira, lo scavalca o si piega e gli passa sotto; inoltre è giovane, avrà circa un anno.
Scheggia ha sicuramente la demodicosi, una malattia della pelle che non è contagiosa ne per gli altri cani, ne per le persone, ma debilita moltissimo il cane che ne è portatore se non viene curata. In questo caso Scheggia è stato lasciato al suo destino già da molto tempo, nessuno si è occupato di lui, nessuno l’ha curato, nessuno l’ha rassicurato, la malattia ha progredito e ora lui è ridotto così. Siamo in attesa delle analisi del sangue per saperne di più sulle condizioni di Scheggia.
Ora lui vuole solo dormire, ha sempre tanto freddo e deve essere avvolto nelle coperte di lana perché trema come un uccellino bagnato. E’ molto debole, quando esce dalla gabbia cammina piano piano barcollando, ma si tiene quasi tutti i bisogni, non gli piace sporcare dove dorme.

Quando ci avviciniamo a lui mentre sta nella sua cuccia, lui alza una zampa per faci vedere la pancia, ci dice: “io mi arrendo, vi prego non mi fate del male”. E’ tanto stanco Scheggia, chissà quanto ha vagato in attesa di qualcuno che gli tendesse una mano per aiutarlo.

Scheggia è un incrocio husky di taglia media, verrà affidato in tutto il centro-nord previo controllo di preaffido e con la sua scheda clinica.

Per info

 

Claudia 3387034771   ass.veliterna.tutela.del.cane@gmail.com

 

Valentina 389/9681604 adozionivelletri.tina@gmail.com

 

Anna 3343655706   adozionivelletrianna@gmail.com

 

 

Scheggia ha avuto fortuna. Non solo ha evitato di morire per la strada come spesso accade agli animali abbandonati dai loro “padroni”  cosi’ insensibili, ma ha anche trovato una meravigliosa sistemazione, tornando  ad essere un bel cane e recuperando la sua dignita’ di essere vivente.

Dolce Scheggia, a te auguriamo una buona e lunga vita.

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Webmaster Anna Bianca