Perchè adottare un cane adulto

Share

Moltissime persone volgiono adottare un cane, ma solo un cucciolo, sostenendo che solo in questo caso il cane si puo’ veramente attaccare al suo padrone.

Ecco qui sotto una lunga lettera di una persona che ha adottato un cane adulto, pur pensando di commettere un grave errore, non avendolo mai fatto e mentre tutti le sconsigliavano di farlo. Vi preghiamo di leggerla.

 

LETTERA DI UN’ADOTTANTE
ABBIAMO ADOTTATO UN CANE DA UN CANILE. Adulto e visto solo in
fotografia (anzi anche in un breve video ma nulla di più…) …E
STIAMO VIVENDO UNA DELLE ESPERIENZE PIU’ STRAORDINARIE DELLE NOSTRE
VITE…

Mentre aspettavamo l’arrivo di Baffo mi sono data più volte della pazza.
Prede e vittime, come tutti, del preconcetto che un cane debba essere
adottato da cucciolo, noi andiamo a sceglierne uno che ha 4 anni, di
cui oltre tre trascorsi in canile!
E poi in casa vive una cagnetta di 13 anni, ormai sola da parecchio,
chissà quale trauma per lei…

E la nostra casa è impegnativa, ricolma di mobili e tappeti, libri,
ceramiche antiche,…perfino i quadri a terra non ci facciamo mancare…
E poi ci capita a volte di essere fuori per molte ore al giorno, in
Posti dove i cani non ci possono proprio venire…i vecchi cani erano abituati a
Questo ma il nuovo? Oddio, sarà un disastro…oltre tutto si tratta di un
maschio, grandino di taglia e nel pieno del vigore, abituato a spazi
aperti, sia pure angusti come un box…distruggerà, devasterà, allagherà ovunque con litri di pipi puzzolente…farà SICURAMENTE popò sui tappeti, magari su quelli
di 5 metri per 4, che costano una rata di mutuo a farli lavare senza
contare il casino per trasportarli….E che fine faranno i nostri viaggi in auto, i ristoranti, alberghi,campeggi, mostre, concerti, infiniti giri per il centro di Milano, le cene a casa di amici…tutte cose che condividevamo con i nostri vecchi cani (ma quelli erano stati presi da cuccioli appunto…) ma che il ‘selvaggio’
difficilmente’ ci concederà! E’ un cane di canile e per di più ADULTO e
DEL TUTTO SCONOSCIUTO!
Insomma…le giornate trascorrevano in un modo o nell’altro ma le notti
dell’attesa ormai erano popolate di incubi…
A volte espoldeva prepotente la voglia di telefonare e di dire ”non
se ne fa più nulla, mi spiace, ho la nonna moribonda…” (scusa ‘classica’, un
filo banale ma sempre efficace…).
Però poi ti sentivi una merdaccia…le adorabili volontarie che si sono
date tanto da fare, la referente di zona incaricata delle visite preaffido
che ormai era diventata un’amica, tutta questa gente che si sbatte pazzescamente
solo per aiutare queste bestiole e noi che facciamo la figura di tirarci
indietro all’ultimo istante? Dio, in che casino ci siamo messi….Mi
sa che dobbiamo prendercelo, tenercelo e incrociare le dita….
E così comincia la fase due…progettare una vita diversa (perchè il
selvaggio ce la cambierà senz’altro, mannaggia a lui…)…progettare una casa
diversa (tappeti da rimuovere, le cose delicate tutte in alto, serrature
blindate a tutte le porte…insomma il principio di una vera
rivoluzione con l’angoscia alla base di ogni cosa…)

Sai che stai sbagliando ma sei in trappola…te ne pentirai a vita, lo
senti…
IL CANE DEVE ESSERE CUCCIOLO…perfino i vicini amici (che non hanno
Mai avuto cani) continuano a ripetertelo.
PRENDI UN CANE ADULTO? MA SEI PAZZA?
Per favore basta torture….ebbene si, prendo un cane adulto, sono
terrorizzata per la cosa, vedete di non infierire anche tutti voi please….
Giorni di delirio che precedono questo arrivo che pare non avvenire mai
(il trasferimento da Roma costa tanto, bisogna che ci siano almeno un
po’ di cani da consegnare qui al nord, altrimenti diventa davvero una follia….) e
tutto sommato, ad un certo punto, mi convinco che sia stato tutto un brutto
sogno e che questo MOSTRO ADULTO non arriverà mai….

Pazienza per la cuccia nuova e le spese già fatte, regalerò molto
volentieri il tutto al canile locale….ma intanto io sarò di nuovo libera e felice…del resto se non lo portano non è mica colpa mia…
Invece un venerdì ecco la telefonata…”Forse domenica ce la facciamo,
incontro a Bologna come previsto? Siete sempre convinti ad accoglierlo?”…
e che, come cavolo fai a dire ”No”…che figura di paglia faresti….e
così ti ritrovi a sussurrare un ”Si…” sperando di non risultare comprensibile…peccato che Loredana abbia l’orecchio fine!
Domenica dunque eccoci in macchina, un’ansia pazzesca ed una gran
voglia di imboccare la direzione Venezia per un rilassante weekend,
piuttosto che Bologna per avviarci all’inizio di un incubo infinito….IL CANE ADULTO, IL PRINCIPIO DELLA FINE, AIUTO!
Comunque siamo in ballo e si balla….
Risparmio i dettagli dell’incontro ecc. ( li troverete nel blog che sta
Per nascere….) ed arrivo subito al dunque.
Baffo vive con noi ormai da 20 giorni….e sembra che sia passata tutta
una vita! Nel giro di un paio di giorni tutti i preconcetti, i pregiudizi, le paure..sono svaniti come neve al sole.
Quello che doveva essere un MOSTRUOSO individuo indomabile, ormai
irrecuperabilmente selvaggio ed asociale (questo si crede dei cani
adulti), si è rivelato un essere dalla straordinaria capacità di comprensione,
empatia, dialogo, attenzione nei nostri confronti…
Con un cucciolo ci sarebbero voluti mesi, se non anni (il cucciolo DEVE
maturare prima di essere in grado di capire…come i figli, no?),
invece con costui sono bastati due sguardi per leggere fino in fondo alle
rispettive anime.

E’ capace di comprendere ogni cosa, muore dalla voglia di amare ed
essere amato e te lo sa dimostrare fin dal primo momento.
Si muove per casa come un danzatore di classica (alla fine non ho poi
Tolto un solo tappeto, anzi ne ho aggiunti un paio che desideravo da tempo…),
non sfiora un mobile, un quadro a terra, un cristallo di Boemia….(eppure al
parco corre come un levriero, fa salti di un metro e mezzo, si rotola come un
pazzo, ha un’energia che sembra infinita…).
Non fa pipì all’interno (sebbene noi l’avessimo messo in preventivo e fossimo pronti, nel caso, a capire e perdonare…) e nel caso gli scappi da pazzi,ha imparato senza che nessuno glielo dicesse a farla nell’angolo del balcone dove sta il tappetino a disposizione della Piccola (vecchietta quindi ha bisogno di farla un po’ più spesso…) ma anche questo è successo 3 volte in 20
giorni…
Dorme tutta notte senza un fiato, ha cercato ed ottenuto subito una
relazione con la Piccola (che, in quanto femmina anziana, dominante e para-umana,
non sopportava alcun cane…) ed è uno spasso vedere come la difende da
potenziali cani molestatori e come la controlla a vista ogni volta che si esce…
Si comporta in un modo esemplare, perchè comprende ESATTAMENTE tutto
quello che si desidera da lui..sta imparando perfettamente a
relazionarsi con il resto del mondo perchè si rende conto del suo essere parte di un branco e di una società fatta di altri branchi (e questo proprio grazie al suo
essere adulto e maturo, pronto a recepire all’istante ogni messaggio ed ogni segnale e a decodificarlo trasformandolo in un momento di apprendimento)….ma
soprattutto ogni suo gesto, ogni sguardo, ogni respiro, è imbevuto dell’amore che
ha scelto di donarci.
Non potremo mai competere con l’adorazione di quello sguardo, con la
devozione che ci mostra, con la fierezza con la quale cammina al nostro fianco
(si temeva fosse difficile da gestire in passeggiata, non abituato com’era…serve
che dica che cammina al guinzaglio esattamente al nostro passo, si
ferma e si siede ai semafori e non si alza e riparte se non gli si dice ‘avanti’?
(imparato in due giorni due…)

Potrei continuare per ore ma il nocciolo della questione è questo:
TUTTO QUESTO NON L’AVREMMO MAI OTTENUTO se non da un cane che ha
vissuto sulla sua pelle l’abbandono e la privazione della sua ragione di vita.
Un cane privo di branco è un cane che respira ma che è morto dentro.
E un cane adulto che ritrova il suo branco non potrà che essere
felice…ma la cosa straordinaria è che noi saremo più felici.
Non mi era mai capitato di pensarmi come membro di un branco, sarebbe
suonato un po’ strano in effetti…ma ora perfino il concetto di famiglia (io
sono la classica mamma-chioccia) si è arricchito di una caratteristica nuova ed
esaltante.
Un branco è ancor meglio di una famiglia, è ancora di più. E’ una cosa
primordiale, istintiva, pura e naturale. Ci si sente orgogliosi e
responsabili gli uni degli altri, ci si protegge di più, ci si considera di più, si
cerca di usare il linguaggio giusto per farsi capire da ognuno, si mostra più
attenzione ai segnali che, a volte inconsciamente, ci si scambia.
mi rendo conto che sembra pazzesco, sono passate tre sole settimane
dall’arrivo del ‘MOSTRO’ eppure siamo tutti più sereni, più disposti a
comprenderci e qualche volta perdonarci. lo sforzo di entrare in
relazione con un essere che non parla la nostra lingua ha come ‘raffinato’ la nostra sensibilità e questo sta giovando immensamente anche ai rapporti umani.
Senza contare che ti diverti anche da pazzi….e ci guadagnano salute,
bellezza e tutto il resto (sarà un caso che ho perso 4 kg in una
settimana e che la notte dormo come una bambina, cosa che non accadeva ormai da
tempo?)

Con un cucciolo non sarebbe stato, perlomeno, così veloce…Nulla
contro l’adozione di cuccioli, ovviamente…ma il pregiudizio verso i
cani ‘grandi’ trovo che abbia davvero poco senso…
Una cosa ancora soltanto…

La nostra meravigliosa avventura con Baffo però nasce da un presupposto indiscutibile…un gruppo di meravigliose volontarie, splendide a livello umano ma soprattutto intelligenti e preparate, che hanno saputo guidarci alla scelta ed al giusto approccio; è stato fondamentale il loro apporto per valutare se noi eravamo potenzialmente idonei per Baffo e viceversa…da soli non ce l’avremmo fatta!
Vi sono molti fattori da considerare…solo una scelta ponderata può
condurre al risultato esaltante che noi stiamo avendo.
Siamo stati visitati, interrogati (adorabile Manuela….), consigliati,
redarguiti, condotti per mano verso questo dono pazzesco della vita.

Diffidate da chi vi affida cani senza conoscervi, parlarvi, spendere
tanto prezioso tempo a cercare di capire qualcosa di voi…è
fondamentale non sbagliare in partenza, ne va della vostra e della loro (bau) felicità…Per favore, considerate l’adozione di cani adulti, sono creature che a
volte possono migliorare la vostra vita, anche se noi pensiamo sempre che
solo l’uomo possa….
Per favore, abbiate un po’ di pazienza e di disponibilità iniziali, per
ottenere qualcosa che vi lascerà senza fiato…

Una buona adozione è un bene per il cane ma è una meraviglia per l’uomo….

saluti e leccatine (di Baffo) a tutti

Rosalia & Branco..

Webmaster Anna Bianca